La nascita della tragedia

27,00

Valerio Di Mario
Carta patinata opaca 170g
colori: nero + pantone 877C (argento)

162 disponibili

L’ordine e il caos, l’estasi e l’ebrezza, l’armonia e la sensualità: apollineo e dionisiaco sono gli impulsi essenziali all’origine di ogni forza creativa. Da loro incontro-scontro, secondo il filosofo Friedrich Nietzsche, nasce l’opera d’arte, di cui la tragedia attica è stata la più alta manifestazione. L’elemento apollineo coincide con il sogno, quindi con il momento in cui il mondo viene plasmato dal soggetto, mentre quello dionisiaco corrisponde all’ebbrezza e perciò al momento in cui il soggetto si annulla nella natura. L’equilibrio di questi due opposti avviene quando si avverte l’assurdità dell’esistenza e si ha la capacità di superarla attraverso forme limpide armoniche, ma senza annullarla dal proprio orizzonte di senso. La decadenza dell’Occidente, secondo Nietzsche, va attribuita alla crescente razionalizzazione del mondo, al sopravvento del principio apollineo, avvenuto con la nascita dell’uomo teoretico, Socrate, mosso dalla necessità di rappresentare, spiegare, mettere ordine nel caos dell’esistenza, abolendo dalla vita ogni slancio epico e ogni incertezza.

Valerio Di Mario traduce graficamente il tema nietzscheano della nascita della tragedia.

La cornice non è inclusa.
Artista

Misura